Da perturbato a instabile

Il titolo riassume con brevità e chiarezza l'evoluzione del tempo nei prossimi tre giorni. L'area depressionaria che si è isolata sul Mediterraneo centrale ruota attorno al minimo posizionato ora sul basso Tirreno. Nei prossimi giorni questa circolazione si colmerà lentamente e le "spire" costituite dai vari sistemi nuvolosi assumeranno caratteristiche diverse.

Ora sono presenti corpi nuvolosi che apportano precipitazioni direttamente collegate ai fronti presenti all'interno della circolazione depressionaria, ma questa situazione si attenuerà entro 24-36 ore al massimi. A partire dal giorno 5 sarà molto più evidente l'accentuazione dei fenomeni durante le ore pomeridiane e della prima serata, fenomeni che interesseranno maggiormente le zone interne e soprattutto quelle montuose, dalle Alpi lungo tutta la catena appenninica. Le temperature tenderanno gradualmente a risalire da domani, specie sui versanti occidentali dove la diminuzione era stata più avvertita, meno sull'estremo Nord-est dove, partendo da valori decisamente elevati (oggi 29°C a Udine), potrebbe verificarsi qualche locale diminuzione. In allegato l'animazione dei prossimi tre giorni dove possiamo vedere la goccia d'aria fredda in quota isolarsi sul Mediterraneo centrale, mentre un promontorio anticiclonico si espande dal vicino Atlantico verso l'Europa centrale.